SRI LANKA L'ISOLA DELLA SERENDIPITY

Suggestioni di un viaggio nell'isola di Ceylon, tra sguardi, natura e manifestazioni spirituali

Circondata dalle acque calde e cristalline dell'Oceano Indiano lo Sri Lanka , appunto l'antica Serendip persiana , incanta e stupisce per la varietà di paesaggi, natura, e siti archeologici pregni di misticismo e spiritualità.

Serendipity è l’attitudine a fare per caso inattese e felici scoperte mentre si sta cercando altro. Questa parola fu coniata da H. Walpole che la usò in una sua lettera nello 1754 con tale accezione a proposito della fiaba “Three little princess of Serendip”, l’antico nome persiano dell’isola di Ceylon, l’odierno Sri Lanka.  

Ed è una  continua ed inattesa scoperta un viaggio in questa isola magica. Seguici!!
Spiagge bianche e una barriera corallina pressoché intatta richiamano vacanzieri da tutto il mondo.
La costa Orientale con Trincomalee e la mitica Arugam Bay consegnano al viaggiatore angoli di paradiso



Il Parco Yala  a Sud dell'isola permette incontri ravvicinati, durante i safari fotografici guidati, con le varie specie animali:
Aquile, elefanti, coccodrilli. E soprattutto leopardi, visto che il parco nazionale di Yala vanta la massima densità di popolazione al mondo del più simile - per comportamenti - al gatto domestico dei grandi felini. 

  

Il nostro viaggio prosegue verso l'interno del paese  destinazione Kandy, l'antica capitale .
Non può assolutamente mancare una visita al tempio del dente di Buddha dove è custodita la reliquia più importante del paese per i buddisti. Il Tempio è meraviglioso ed è meta di pellegrinaggi che sfociano, una volta all'anno tra luglio ed agosto , in una festa imponente con sfilate , processioni ricche di pathos e colore.
  

Ci immergiamo nell'atmosfera di questa città camminando sul lungolago e sulla via principale, ricca di negozietti e venditori di street food.
Uno spettacolo folcloristico allieterà la nostra serata.

Nuwara Eliya A 2.000 metri sul livello del mare, la stazione coloniale del 19° secolo di Nuwara Eliya è stato un rifugio preferito degli inglesi, che erano attratti dal clima, e fino ad oggi conserva un'atmosfera coloniale con il suo campo da golf, club di gentiluomini e edifici mock-Tudor. Con un paesaggio pittoresco e clima temperato, si trova ad un'altitudine di 1.868 m  ed è considerato il luogo più importante per la produzione del tè in Sri Lanka. La sensazione è di essere catapultati nella vecchia inghilterra.  

A seguire i pezzo forte del nostro viaggio: arriviamo alla fortezza di Sigiriya
La fortezza di Sigiriya, Patrimonio dell’Umanità dal 1982, non è un luogo sacro, non nel senso canonico. I monaci l’hanno abbandonata nel XIV secolo. Se si soffre di vertigini e si decide di percorrere i 1.200 scalini che conducono in cima al monolite vulcanico, la conquista è fisica e spirituale.


durante la salita su una scala a chiocciola in metallo che sembra non finire mail, si incontrano le fanciulle di Sigiriya, splendidi affreschi  in una galleria scavata nella roccia.
Raggiunta la sommità la vista ripaga della fatica.
Proseguiamo per Polonnaruwa meravigliosa e misteriosa antica capitale che si erge in un parco archeologico molto vasto. L'ideale sarebbe di visitarla con una bicicletta o in Tuk Tuk.
Ma con pazienza , caldo permettendo , si può visitare anche a piedi godendo delle splendide viste

  

il nostro viaggio prosegue lungo la costa rubando scorci di vita rurale  e immagini poetiche da portare con noi come bagaglio da questa meravigliosa terra

Commenti

Post popolari in questo blog

HALONG BAY Duemila isole nel Golfo del Tonchino, da vedere e immortalare

VIAGGI DEDICATI A DONNE SPECIALI